Alleanza terapeutica: rispetto, fiducia e conoscenza

Introduzione
Ho imparato che la profonda conoscenza e rispetto reciproco fra curante e paziente sono altrettanto importanti della conoscenza della farmacologia e delle metodiche antalgiche.
Il momento più critico per un’efficace terapia del dolore è la
prima visita.
Molti pazienti giungono dopo alcune altre esperienze non positive e sono comprensibilmente sfiduciati.
Una prima visita valida non può durare meno di un’ora e si impernia su una accuratissima analisi della sintomatologia senza idee preconcette e senza tener troppo conto di diagnosi già espresse in altra sede. 
Anche un farmaco adeguato somministrato in modo inadeguato porta al fallimento. Lo stesso ovviamente vale anche per le metodiche non farmacologiche.
Il dolore cronico, non affrontabile con una terapia radicale ( ad esempio una ernia discale per la quale il neurochirurgo non ravvisa la operabilità ) va trattato con la dose minima di analgesico efficace in grado di dare un sollievo adeguato; bisogna quindi iniziare la terapia con un dosaggio sicuramente inferiore a quello utile e aumentarlo secondo schemi che portino alla dose minima efficace ( la cosiddetta titolazione dell’analgesico ).
Se il medico vuole fare immediatamente bella figura o il paziente ha troppa fretta di vedere i risultati si rischia di somministrare una dose eccessiva con la probabilità che insorgano effetti collaterali che impediscano la continuazione della terapia.
Per questo la prima visita deve anche comprendere una specie di contratto nel quale il terapista spiega al paziente le tappe della terapia e si accerta esattamente di ciò che il paziente vuole o può accettare come eventuale effetto indesiderato.
Molti hanno come obiettivo primario un buon riposo notturno e accettano una modesta dolenzia durante le ore diurne con una possibilità di risparmio di farmaco, altri desiderano un sollievo totale accettando anche effetti collaterali come una modesta sonnolenza. Non esiste un paradigma perfetto, esiste solo un chiaro rapporto costi/benefici da definire a priori fra medico e paziente.
Per questo tutti sono concordi che la registrazione dell'entità del dolore e dei sintomi collaterali in funzione della terapia praticata sia un importante aiuto per il successo terapeutico. Il Team di Dolore & Sollievo ha creato un sistema informatico dedicato alla registrazione di questi parametri ed alla loro elaborazione per aiutare il Paziente ed il suo Medico. Dedicando pochi minuti al giono S possono raggiungere buoni obiettivi di sollievo dal dolore in tempi rapidi. Vedi Monitoraggio del Dolore

My Image

Principali terapie
Terapia farmacologica
analgesici FANS
analgesici oppioidi
Farmaci Adiuvanti
Adiuvanti Fitoterapici
Agopuntura
Elettrostimolazione
Rilassamento e Meditazione
Omeopatia e Fitoterapia
Ipnosi ed autoipnosi
Terapia inviasiva
blocco anestetico di nervi periferici
peridurali con anestetici o/e cortisonici
Terapie non convenzionali
Dietetiche
Fiori di Bach
Musicoterapia
Mirror Therapy